“Personal flotation devices” o dispositivi personali di galleggiamento (detti anche salvagente gonfiabile)

ANTICHITA’: Gli antichi, forse vedendo carogne di animali che passavano nei fiumi galleggiando , avevano capito che potevano usarle come aiuto al galleggiamento.

Gia’ in tempi antichissimi venivano usati OTRI di pelli di animali come ausilio al galleggiamento quando c’era la necessita’ di attraversare dei fiumi specie da parte di uomini che portavano armi. Questi sistemi erano usati in ambito militare per sorprendere il nemico quando questo si sentiva al sicuro protetto da specchi d’acqua o da corsi d’acqua. Numerosi sono i riferimenti a combattimenti in mare dove era importante la sopravvivenza in acqua e di battaglie vicino a laghi e fiumi dove i generali elaboravano ardite strategie. L’abilita’ nel nuoto era fondamentale per i Greci che disprezzavano chi non sapeva nuotare.

Scrivevano Plutarco ed Aristotele che il nuoto era una delle parti principali dell’educazione di allora e l’ imperatore romano Ottaviano volle che i suoi figli imparassero alla perfezione a nuotare. Cesare Augusto, assediato presso Alessandria ,scampo’ la morte fuggendo a nuoto con la spada tra i denti. Carlo Magno e Federico I di Svevia erano abili nuotatori ma il secondo mori’ affogato durante la sua spedizione militare in terra santa.

Le insidie nel nuoto sono sempre in agguato!